L’Elettrice palatina

L’Eredità delle Donne è un progetto pensato, sin dalla sua nascita, per restituire luce al ruolo avuto nei secoli dalle donne nel progresso dell’umanità: scienziate ed artiste, scrittrici e pioniere di tutti i campi del sapere, non sempre riconosciute al pari dei colleghi maschi.

Musa ispiratrice del festival e madrina d’eccezione è Anna Maria Luisa de’ Medici, nota come l’Elettrice Palatina, la prima ‘Madre della Patria’ e Madre della Cultura Italiana ed europea ante litteram. Grazie al suo generoso contributo, è stato possibile mantenere integro l’intero patrimonio culturale e artistico della città di Firenze, rendendola lo scrigno mondiale che tutti conosciamo.

Ultima del ramo granducale dei Medici, Anna Maria Luisa è la donna alla quale Firenze deve gran parte del proprio patrimonio culturale e artistico. Nel 1737, infatti, nella stesura della Convenzione con Francesco Stefano di Lorena, più nota come Patto di Famiglia, l’Elettrice Paladina, come si legge nell’articolo terzo, “cede, dà, e trasferisce a Sua Altezza Reale e ai suoi successori Gran Duchi, tutti i Mobili, Effetti e Rarità [..] come Gallerie, Quadri, Statue, Biblioteche, Gioie ed altre cose preziose”, ordinando di conservare all’interno della città di Firenze e dello Stato del Gran Ducato tutto il patrimonio artistico e culturale delle collezioni medicee “per ornamento dello Stato, e per utilità del Pubblico e per attirare la curiosità dei Forestieri”.