Profumo dalla terra al cielo

Che le donne siano profonde, ataviche conoscitrici delle piante si è sempre saputo dall’antropologia, breve deve essere stato per loro il passo fino a comprenderne e utilizzarne l’essenza più nascosta, sottile e potente; ce lo garantiscono la loro biologia, un olfatto che le fa capaci di percepire gli odori in modo peculiare e sofisticato, il loro ruolo di raccoglitrici e nutrici.
Di alcune donne, “profumiere” o ambasciatrici del profumo, conosciamo nomi e titoli, di altre possiamo solo immaginare. Chiederemo loro di raccontarci uno stralcio della loro storia, ci lasceremo trascinare ad immergerci come in una densa aura di profumo.
Daremo voce a Tapputi, babilonese del 1200 a.C. Sovrintendente del palazzo reale e dei profumi; a Trotula de Ruggero, mulier salernitana, che nell’XI secolo scrisse il primo trattato scientifico di cosmesi “De ornato mulierum”; a Caterina dei Medici che iniziò ai profumi la Parigi della corte di Enrico II, ammorbata da indicibili flatulenze; a Viola, giovane profumiera trasgressiva, che visse a Firenze nel 1400 la sua storia non documentata ma verosimile. Ad altre ancora che busseranno alla porta per essere ascoltate.
Ascolteremo le voci di queste ed altre donne attraverso i brani scritti da Caterina Perrone, interpretati dall’Associazione di donne lettrici “A. voce alta”, nelle testimonianze di esperti/e solo se sapranno offrire argomentazioni lievi, parole evocative e penetranti come un alito di profumo.

Informazioni

Evento organizzato da: in collaborazione con "A. Voce Alta"
Informazioni per il pubblico: L’evento si svolgerà all’interno del Teatrino del Gallo, ma se il tempo e la temperatura lo permettessero potrebbe spostarsi nel giardino adiacente massima capienza dello spazio 60/70
Ingresso: Gratuita
Destinatari: Adulti