Libri al Festival

Fake Accounts
Un libro di Lauren Oyler

23 Ottobre
Bistrot - Manifattura Tabacchi
16:00 - 16:45

Rivedi l'evento

In dialogo con Anna Lombardi

Una giovane donna scopre per caso l’identità social del suo fidanzato, un celebre complottista anonimo. Che fare? Affrontarlo o andar via? Ma ci sarà ancora un posto nel mondo dove ciò che siamo nella vita vera assomiglia almeno un po’ a ciò che vogliamo essere sui social media?

Alla vigilia dell’insediamento di Trump alla presidenza degli Stati Uniti, una giovane donna guarda di nascosto il telefonino del suo fidanzato e scopre che è un complottista anonimo molto famoso nella Rete. Questo forse spiega in parte il suo distacco e la sua elusività, ed è un’ottima ragione (oltre a Trump) per andar via e tornare a vivere a Berlino, dove si sono conosciuti. Qui la narratrice si immerge in un mondo di expat come lei, una sorta di gabbia non più molto dorata in cui persone di tutto il mondo dotate di identità evanescenti si guardano bene dal mettere radici vere, dall’imparare il tedesco, dal costruire una vita stabile, tutti sospesi in una sorta di acquario, in attesa di non meglio precisate certezze. Chiaro che di persone così non ci si può fidare, come del suo ex fidanzato. Ma noi possiamo fidarci di lei, di quello che ci racconta dal suo punto di vista, del suo mondo fatto di verità modellate sulle bugie che corrono online? Un ritratto lucido, pieno di spirito e sarcasmo, del nostro oggi, in bilico tra la realtà e il racconto che ne facciamo, i fatti e la loro messa in scena, accuratamente orchestrata perché appaia interessante e attraente a chi la guarda dallo schermo di un computer o di un telefonino.

Bompiani

Partecipano: